Tag Archives: indicatori di mercato

Strategia MACD opzioni binarie scadenza 5 minuti

Indicatore MACD

L’indicatore di trading MACD ci da moltissime informazioni riguardanti le dinamiche che muovono i prezzi, inoltre, il MACD, che deriva dalla media mobile, offre sia una indicazione riguardante le tendenze sia una indicazione riguardante le zone di iper-comprato e di iper-venduto, ossia, quelle zone in cui i prezzi risultano trovarsi al limite di acquisto o di vendita. Solitamente il MACD viene utilizzato nel trading tradizionale, ma il suo utilizzo può essere conveniente anche nel trading in opzioni binarie a patto che si seguano degli accorgimenti relativi al money management.

In questa pagina ci occupiamo di strategie riguardanti le opzioni binarie a 5 minuti, opzioni queste estremamente difficili da gestire, ma molto convenienti dal punto di vista dei possibili ritorni economici. Per investire in questa particolare tipologia di opzioni binarie bisogna prestare molta attenzione ai grafici di prezzo e scegliere i momenti migliori seguendo le indicazioni del MACD. L’indicatore MACD deve essere impostato in un grafico con time frame M1, in questo modo possiamo gestire al meglio i segnali relativi a questa tipologia di scadenza di opzioni binarie.

Indicatore MACD

Dall’immagine puoi vedere benissimo come l’indicatore MACD offre dei segnali di acquisto e di vendita, che nel caso di opzioni binarie si traducono in acquisto di opzioni call e acquisto di opzioni put. Il segnale dell’indicatore è di facile interpretazione:

Acquisto opzioni binarie call: si acquista una opzione binaria call quando la linea di MACD si trova nella parte inferire e supera la Signal line.

Acquisto opzioni binarie put: si acquistano opzioni binarie put quando la linea di MACD si trova nella parte superiore e supera dall’alto verso il basso la linea di segnale.

CONSIGLI UTILI: non sempre i segnali risultano andare a buon fine, motivo per cui bisogna porre particolare attenzione alla gestione del denaro. Può capitare che le prime operazioni vadano bene, ma non bisogna per questo credere che si possa investire una percentuale di capitale maggiore al 5%. Se si mantiene sempre un rischio basso si hanno maggiori probabilità di guadagno nel lungo periodo, cosa che invece non accade se si considera una percentuale di rischio maggiore.

Parliamo degli indicatori fondamentali di mercato

indicatori fondamentali di mercato, strategie opzioni binarie

Cercare di comprendere quale sia il reale andamento di mercato attuale è davvero molto importante, bisognerà a tutti i costi avere un quadro completo per potersi destreggiare al meglio senza incappare in gravi errori.

Prendiamo ad esempio il tasso di disoccupazione, si tratta di un indicatore che ha una certa importanza, il meccanismo è molto semplice, supponiamo che vi sia un crollo sostanziale della disoccupazione nell’Eurozona, beh di conseguenza i mercati faranno registrare un cambiamento repentino, caratterizzato da un certo ottimismo. Possiamo chiaramente affermare, quindi, che la disoccupazione rappresenta un elemento chiave per quanto concerne l’economia. Il forex in questa particolare situazione farà registrare un cambiamento relativo all’accoppiata EUR/USD, che tenderà a rafforzarsi.

Se al contrario, vi sarà un aumento del tasso di disoccupazione, gli scenari saranno completamente differenti, questo perchè le persone non spenderanno come un tempo, un effetto del tutto normale dovuto a dei guadagni limitati o in alcuni casi del tutto nulli, di conseguenza, si registrerà progressivamente un rallentamento dell’economia!

Un altro indicatore fondamentale potrebbe essere rappresentato dalle conferenze stampa, aggiornarsi è quindi importante, questo perchè giornalmente vengono tenute delle conferenze o dei discorsi e particolari analisi, da parte di personaggi illustri, che sui mercati finanziari hanno una certa importanza. Ovviamente un vero trader non dovrà farsi sfuggire proprio nulla, a volte anche il saper ascoltare e comprendere eventuali previsioni, può servire a fare le giuste scelte nel tempo!

Non bisogna poi dimenticare le aste, infatti, giornalmente, ci sono paesi che mettono all’asta il proprio debito, con un interesse su un eventuale debito acquistato. Ovviamente in ogni caso si andrà incontro a delle scadenze, la tempistica in questo caso può variare, rientrando, quindi, in alcuni mesi, oppure seguendo degli anni, il tutto varierà in base alla tipologia scelta. Osservare con attenzione l’esito di ogni asta può servire, il vero trader sa come comprendere questi indicatori, perchè rappresentano un valido aiuto per migliorare e puntare con decisione sugli investimenti giusti, da qui si potranno delineare alcuni scenari, infatti, se vi sarà una scarsa domanda si registreranno dei repentini cambiamenti anche sulla valuta locale, mentre se si registrerà una scarsa domanda, ma con dei rendimenti decisamente alti, i trader più attivi decideranno di aprire con un bel PUT su quella valuta, in modo da partire avvantaggiati e cercare di sfruttare sin da subito la situazione creatasi.

Ad ogni modo cercate di dar peso a tutti questi indicatori, valutate ogni spiraglio e non esitate dal momento in cui si creerà l’occasione giusta!