Category Archives: Strategie

Con le opzioni binarie conta la performance media

gabbia

La regola d’oro delle opzioni binarie è cercare di tenere sotto controllo ogni impulso positivo o negativo. Con ciò non si vuol ritenere inutili quegli “animal spirits”, cioè gli istinti che vegliano in ogni buon fiuto del trader, alla base del seminato dell’esperienza. Ma si tratta di un ulteriore traino nella direzione degli approcci strategici e metodologici alle opzioni binarie.

Quindi, il nostro stile di trading va perfezionato man mano e non possiamo capire subito dall’inizio che cosa sia più o meno adatto al nostro modo di operare, di percepire i segnali del mercato.

Guadagnare mediamente più volte

Se mediamente riusciamo ad ottenere più trade vincenti che perdenti possiamo pensare che non sia così essenziale scegliere un Broker che limiti le perdite attraverso il rimborso di una parte del capitale perso. Tutto sommato, allorquando i brokers prevedono il rimborso delle perdite (solitamente nell’ordine del 15% max), i rendimenti sono minori rispetto ai brokers di opzioni binarie che non prevedono il rimborso.

Migliori strategie di trading opzioni binarie 60 secondi

Strategie opzioni

Le opzioni binarie 60 secondi permettono di ottenere guadagni davvero sorprendenti, basti pensare che grazie al trading in opzioni binarie 60 secondi si può guadagnare il 70% del capitale investito in un solo minuto.

Per ottenere dei guadagnai dal trading in opzioni binarie 60 secondi bisogna avere una strategia di trading adeguata che consenta di sfruttare i movimenti di prezzo di brevissimo termine,ossia, quelli che ci permettono di sfruttare le minime variazione di valore di un bene finanziario al fine di ottenere dei guadagni dal trading in opzioni binarie 60 secondi.

Broker consigliato per la strategia:

www.optionbit.com – offre dei rendimenti molto interessanti sulle 60 secondi, con un payout del 76% su tutti gli asset.

Esistono numerose strategie di trading in opzioni binarie 60 secondi che possono consentirti di ottenere dei guadagni in modo relativamente molto semplice, ciò che devi tener presente sempre è che il successo nel trading online dipende per il 20% dalla strategia che utilizzi e per l’80% dalla variabile emotiva.

Il che sta a significare che se si da la ricetta per guadagnare a 10 persone non è detto che tutti riescano a portare a casa dei risultati, anzi, con molta probabilità solo una minima percentuale riuscirà a seguire le indicazioni in modo metodico. Detto ciò noi ti possiamo offrire la ricetta o meglio le ricette che ti consentono di portare a casa dei risultati, la differenza la fai tu, la fa il tuo atteggiamento emotivo, la fa il tuo 80%.

Ecco le migliori strategie di trading

Supporti e resistenze

I supporti e le resistenze sono particolari quote in cui il prezzo ha subito una inversione di tendenza. Tali quote tendono ad acquisire una certa importanza psicologica, pertanto è molto probabile che gli investitori siano influenzati dalla presenza di un supporto o di una resistenza e facciamo i loro investimenti tenendo conto di tali quote.

Per approfondimenti clicca qui!

Dati macroeconomici

I dati macroeconomici hanno la capacità di influenzare il mercato in modo diretto. Alla pubblicazione di un dato macroeconomico generalmente corrisponde un movimento di mercato, si possono perciò sfruttare i dati macroeconomici per investire in opzioni binarie 60 secondi.

Per approfondimenti clicca qui!

Inversioni di tendenza

Le inversioni di tendenza si possono generare sia nel breve sia nel medio sia nel lungo periodo, possono perciò essere sfruttate nell’investimento in opzioni binarie 60 secondi.

Per approfondimenti clicca qui!

Strategie trading: In che cosa consiste la strategia Vix Reversal?

vix reversal

Tra le strategie trading, desta interesse la strategia “Vix Reversal” che viene adottata utilizzato il cosiddetto “indice della paura”. Presenta aspetti innovativi, in quanto prende in considerazione solo i punti salienti della dinamica (inversione di rotta), senza porre attenzione ad alcun movimento anticipatore e/o laterale. Essendo molto semplice ed immediata, viene combinata con altri strumenti di analisi per aumentarne i segnali predittivi.

 L’indice della paura “Vix”. Come si comporta?

Il benchmark di riferimento cambia a seconda del target ma sostanzialmente l’indice della paura Vix (Chicago Board Options Exchange Volatility Index) esprime la volatilità di quella parte del mercato, con un’importante differenza, data non tanto dal sottostante, quanto dalla peculiarità del mercato delle opzioni.

L’indice della paura Vix, utilizzato per alcune strategie trading, sembra così comportarsi:

–       Trend in discesa del mercato: L’indice della paura sale.

–       Trend in salita del mercato: L’indice della paura scende.

Tale indicazione deve servire, un po’ come per le opzioni binarie senza funzione di copertura ma dal ruolo speculativo, per prendere delle decisioni immediate (intervallo di riferimento temporale brevissimo). Il timeframe, ovvero il lasso temporale utilizzato graficamente, è, in questo caso, di alcuni minuti in una logica intra-day. Ciò non vuol dire che bisogna tralasciare ogni studio di medio/lungo termine (analisi del trend di posizione in un intervallo meno ravvicinato), dato che le cosiddette “mani forti” condizionano comunque e sempre il mercato del trading.

Vista così, tra le altre strategie trading, l’adozione di tale indicatore potrebbe sembrare una semplice tattica, più parziale rispetto al Macd trading, dato che non si occupa di anticipare il mercato.

In realtà, in questo caso, l’indice della paura, proprio perché abbinato alla peculiarità del mercato delle opzioni (facoltà di acquistare, facoltà di vendere) è maggiormente condizionato dalle aspettative future che dalle esperienze passate. La volatilità, pertanto, è di natura stocastica e non riflette meramente la storia passata (volatilità storica).

E’ da aggiungere, inoltre, che non bisogna porre sullo stesso piano la dinamica del sottostante con quella della opzioni. Quindi, il valore predittivo dell’indice della paura Vix potrebbe aumentare in presenza di presunte turbolenze del mercato (strategie trading, agganciate alla psicologia dell’investitore). Continui studi empirici sono condotti su questa tendenza dell’indice ad avere valori alti per trend fortemente ribassisti del mercato (e viceversa).

Strategie trading: La Strategia Vix Reversal in parole semplici

Il modello strategico applicato prevede la combinazione dell’indice della paura Vix con le medie mobili. Vengono considerati intervalli temporali (timeframe) di 5 e 15 minuti.

Il comportamento dell’investitore è il seguente:

–       La media mobile più lenta viene incrociata da quella più veloce in salita: bisogna comprare, in quanto il trend è rialzista

–       La media mobile più veloce incrocia dall’alto al basso quella più lenta: bisogna vendere

Ricordiamo, che le posizioni dell’investitore in gergo per le strategie trading possono essere:

–       Long: Si intende comprare oggi per vendere domani ad un prezzo maggiore, in quanto ci si attende un aumento dei prezzi.

–       Short: Si intende vendere (posizione scoperta) oggi per acquistare domani, in quanto ci si attende una riduzione dei prezzi

Tra le strategie trading, la strategia Vix Reversal viene adottata, in una logica intraday, mantenendo, sino alla conclusione del giorno in corso, sempre le posizioni aperte. Ciò significa che, se viene chiusa una strategia long, ne conseguirà l’apertura di una short, e viceversa.

Si tratta di strategie trading veloci, in quanto a fine giornata bisogna aver chiuso tutte le posizioni. Quindi, verrà impostato un filtro temporale che chiude in automatico tutte le posizioni aperte 5 minuti prima che il mercato chiuda.

Tale strategia manca di ogni segnale anticipatore. Di conseguenza, per completarla sono stati inseriti alcuni accorgimenti tecnici integrativi, tra cui  profit target o stop loss.

Esempio di investimento in opzioni binarie forex

euro

Investire nel mercato forex mediante le opzione binarie risulta essere estremamente conveniente in quanto può portare a dei guadagni rilevanti e a delle occasioni di trading certamente molto interessanti che, proprio nel mercato forex, si verificano giornalmente.
La velocità con cui il tasso di cambio delle coppie di valute principali si muove da vita a moltissime occasioni di trading che se ben sfruttate possono portare a dei guadagni davvero molto interessanti.

Le coppie di valuta che risultano essere più convenienti sono:

  • EUR/USD
  • GBP/USD
  • USD/JPY
  • EUR/JPY

Queste coppie di valuta hanno maggiori capitali che si concentrano in determinate fasce orarie e che possono dare vita a moltissime occasioni di trading che attraverso l’investimento in opzioni binarie si possono sfruttare al meglio, approfittando delle alte percentuali di guadagno offerte da tale investimento.

ESEMPIO DI INVESTIMENTO IN OPZIONI BINARIE

Ecco un semplice esempio di come guadagnare nell’investimento in opzioni binarie seguendo semplicemente il prezzo di mercato. Sappiamo, dall’analisi tecnica e dall’esperienza, che il prezzo si muove seguendo delle tendenze. Queste tendenze vengono spesso interrotte in particolari punti detti supporti e resistenze. In questo caso abbiamo sfruttato proprio una resistenza per investire e guadagnare 75€ in soli 10 minuti.

Opzioni binarie

Come puoi notare abbiamo investito 100€ in una opzione binaria di tipo Put. Abbiamo deciso di investire in questo senso perché il tasso di cambio é effettivamente giunto in un’area di resistenza in cui le probabilità di rimbalzo erano molto alte. Sfruttando questo rimbalzo tecnico abbiamo ottenuto un guadagno molto interessante a fronte di un rischio calcolato.

Opzioni binarie

Allo scadere della nostra opzione binaria abbiamo ottenuto un guadagno del 75% rispetto al capitale investito. Nessun’altra tipologia di investimento può offrire un tale ritorno in così poco tempo. Ovviamente, l’investimento poteva anche non andar bene, infatti, bisogna sempre ricordare che i segnali del mercato sono probabili e mai certi, ciò significa che non possiamo avere la certezza che un certo evento, sulla base di certe premesse, accada nel 100% dei casi, ma sappiamo che statisticamente accade e questo ci basta per conseguire dei guadagni.

VISITA LA SEZIONE STRATEGIE! TROVI TANTISSIME STRATEGIE DI TRADING IN OPZIONI BINARIE E TANTI CONSIGLI SU COME UTILIZZARLE AL MEGLIO.

Opzioni binarie: esempio investimento euro/dollaro

Opzioni binarie

La teoria deve essere sempre supportata dalla pratica, per questo motivo abbiamo deciso di effettuare un investimento in modalità reale per consentire a te ad ai nostri lettori di poter toccare con mano le enormi potenzialità dell’investimento in opzioni binarie. Prima di mostrarti come abbiamo fatto a guadagnare 170€ in soli 5 minuti é opportuno che tu sappia che l’investimento in opzioni binarie comporta dei rischi e che, quindi, bisogna porre molta attenzione a ciò che si fa, utilizzando un money management adeguato che non comporti un rischio eccessivo, soprattutto quando il capitale posseduto é irrisorio. Fatta la dovuta precisazione andiamo a vedere come fare a guadagnare 170€ in soli 5 minuti con le opzioni binarie.

GUADAGNARE 170€ IN 5 MINUTI CON LE OPZIONI BINARIE

L’investimento che abbiamo fatto é basato su una semplice regola di analisi tecnica: una tendenza é valida sino a che non si hanno chiari segnali della sua inversione. Questo significa che una tendenza di prezzo, sino a che si mostra forte, continuerà il suo percorso con la sua successione di massimi e minimi. Nel nostro caso abbiamo preso in esame la tendenza ribassista dell’euro/dollaro ed abbiamo atteso che il tasso di cambio toccasse un massimo, a quel punto abbiamo investito in una opzione binaria di tipo put.

Opzioni binarie

L’importo dell’investimento é di 200€ e la scadenza dell’opzione é di soli 5 minuti. Abbiamo scelto di investire in una opzione binaria a 5 minuti perché il grafico di prezzo osservato riporta i movimenti istantanei, motivo per cui la tendenza osservata é comunque una tendenza di breve periodo.

Guadagni opzioni binarie

Il guadagno ottenuto é stato di 170€, con un incasso quindi pari a 370€. Il rischio dell’investimento é estremamente basso in quanto la tendenza ribassista non era iniziata da molto ed aveva ancora la giusta forza per continuare nella sua direzione. Abbiamo inoltre aspettato che il prezzo toccasse una successione di massimo, in questo modo ci siamo assicurati che entro 5 minuti il successivo massimo sarebbe comunque stato più basso in quanto in una tendenza ribassista i massimi ed i minimi sono decrescenti.

Come gestire un investimento in opzioni binarie 60 secondi

Investire in opzioni binarie

Gestire investiti in opzioni binarie 60 secondi é il primo passo da compiere per cercare di ottenere guadagni costanti con questa tipologia di opzioni binarie che non é affatto semplice da utilizzare, ma che risulta estremamente redditizia. Per cominciare cerchiamo di stabilire i parametri di entrata a mercato, ossia, quando é opportuno entrare a mercato e quando invece sarebbe meglio evitare.

Parametri di entrata a mercato

I segnali che ci consentono di entrare a mercato investendo in opzioni binarie 60 secondi sono 2 e devono essere sempre presenti:

Supporto o resistenza: deve essere presente un supporto o una resistenza che si manifesta in grafici con time frame M1. In questo modo possiamo essere certi che abbiamo un punto o meglio un’area di prezzo in cui la previsione è effettivamente possibile. Il prezzo in prossimità di queste aeree può comportarsi in due modi:

  • Rompere il supporto o la resistenza e proseguire nella sua direzione
  • Rimbalzare sul supporto o sulla resistenza di prezzo

Se il prezzo rimbalza su una resistenza bisogna acquistare opzioni binarie 60 secondi put

Se il prezzo rimbalza su un supporto bisogna acquistare opzioni binarie 60 secondi call

Oscillatore RSI: l’oscillatore RSI ci serve per stabilire se effettivamente la tendenza abbia la forza di superare o meno un supporto o una resistenza. L’RSI ci da informazioni riguardanti le zone di iper-comprato e di iper-venduto. Nelle zone di iper-comprato il prezzo tende a scendere, viceversa, nelle zone di iper-venduto il prezzo tende a salire. Ne deriva che se siamo in presenza di una resistenza e l’RSI é in iper-comprato, allora, il prezzo non ha la forza di proseguire, quindi il rimbalzo diventa molto probabile; allo stesso modo, se l’RSI segna la zona di iper-venduto e siamo in presenza di un supporto é molto probabile che il prezzo possa rimbalzare.

ALCUNI CONSIGLI PER INVESTIRE IN OPZIONI BINARIE 60 SECONDI

Può capitare che il prezzo salga e si ritrovi in un’area poco superiore a quella di resistenza o poco inferiore a quella di supporto, se abbiamo già investito seguendo sia il segnale dell’RSI sia quello dei supporti e delle resistenze, possiamo comprare nuovamente l’opzione binaria, forti del fatto che il prezzo debba comunque scendere. A questo punto il secondo investimento dovrà essere superiore al primo del 50%. Se per esempio abbiamo investito 100€ nella prima opzione binaria, investiremo 150€ nella seconda.

Strategie di trading utilizzando le bande di bollinger

Strategie opzioni

Esistono numerose strategie di trading in opzioni binarie che si possono utilizzare per stabilire l’andamento prossimo del prezzo. Una di queste strategie ha la sua ragion d’essere nello strumento denominato: bande di bollinger. Abbiamo già parlato di questo indicatore, definendo anche altre strategie operative, questa volta invece vogliamo portare alla tua attenzione un caso pratico, ossia un vero e proprio investimento.

COME INVESTIRE IN OPZIONI BINARIE CON LE BANDE DI BOLLINGER

Una breve descrizione delle bande di bollinger é doverosa in quanto ci rinfreschiamo un po’ la memoria. Le bande di bollinger offrono informazioni riguardanti la volatilità del prezzo e le zone di iper-comprato e di iper-venduto. Queste due informazioni sono estremamente importanti in quanto possono offrire numerosi spunti operativi anche nell’utilizzo di scadenze molto ristrette come quelle delle opzioni binarie 60 secondi.

Le bande di bollinger offrono due segnali:

Segnale di volatilità: quando le bande si avvicinano e si restringe quindi la loro ampiezza, significa che c’è una contrazione di volatilità, spesso tale contrazione viene registrata nelle fasi laterali di distribuzione. Quando ci troviamo di fronte a questo segnale dobbiamo prepararci ad un movimento di prezzo molto forte, sfruttabile immediatamente.

Bande estreme: la banda superiore indica la zona di iper-comprato, quando il prezzo raggiunge questa zona si indebolisce la forza dei compratori, che possono cedere il passo ai venditori con una conseguente discesa dei prezzi. Nella banda inferiore succede esattamente l’opposto, in questo caso infatti sono i venditori ad indebolirsi, cedendo il passo ai compratori.

ANALIZZIAMO I SEGNALI

Strategie opzioni

Come puoi ben vedere dall’immagine, ogni qualvolta il prezzo tocca la banda superiore abbiamo un ritracciamento dei prezzi, questo ritracciamento ci da la possibilità di lucrare attraverso l’investimento in opzioni binarie. Seguire questa strategia é estremamente semplice, infatti, non tutti sanno che l’investimento in opzioni binarie é solo una questione di strategie e di money management. Per utilizzare al meglio i segnali delle bande di bollinger puoi tranquillamente investire rischiano un massimo del 5% del capitale che possiedi. In questo modo il rischio risulta essere molto basso ed i profitti rimangono alti.

Opzioni binarie: strategia scadenza 24 ore indicatore MACD

Opzioni binarie

Investire in opzioni binarie é sicuramente conveniente a patto che si riesca a strutturare una strategia atta a massimizzare i profitti e a ridurre al minimo le perdite conseguibili. Fortunatamente ciò non risulta essere affatto impossibile, basta solo un po’ di impegno e di pratica e si può facilmente riuscire a conseguire ottimi risultati. In questa sezione scoprirai come utilizzare una strategia in opzioni binarie estremamente semplice da comprendere e basata su un indicatore detto MACD. Il MACD é un indicatore di trading che ci da informazioni riguardanti sia le zone di iper-comprato e di iper-venduto, sia informazioni riguardanti le tendenze di prezzo.

Le opzioni binarie con scadenza a 24 ore sono quelle maggiormente utilizzate poiché hanno maggiori probabilità che la previsione fatta dal trader dia vita a dei guadagni. Di certo non é semplice come tirare due dadi, ma fortunatamente nell’investimento in opzioni binarie non conta molto la fortuna, anzi, non conta affatto. Per questo motivo risulta essere di fondamentale importanza strutturare una strategia che sia in grado di garantire al trader di avere le probabilità a favore, ossia, di guadagnare nella maggior parte dei casi.

La strategia che sto per spiegarti si basa, come già detto sull’indicatore MACD che va impostato in questo caso su un grafico con time frame H4, ciò significa che ogni sessione dura esattamente 4 ore. Saranno necessarie 6 sessioni per completare le 24 ore di scadenza. I segnali del MACD sono sempre gli stessi ossia:

Acquisto opzioni binarie call: si acquistano opzioni binarie di tipo call quando il MACD si trova nella parte inferiore e supera la linea di segnale dirigendosi verso l’alto.

Acquisto opzioni binarie put: si acquistano opzioni binarie di tipo put quando MACD si trova nella parte superiore e supera la linea di segnale dall’alto verso il basso.

Opzioni binarie

Come puoi ben vedere, la strategia risulta funzionare alla perfezione, soprattutto se si considera che la scadenza delle opzioni binarie che abbiamo scelto é altamente prevedibile. Nonostante i segnali del MACD siano molto più precisi rispetto a scadenze diverse, possiamo affermare che va comunque adottata una strategia di gestione del denaro che non vada oltre il 5% di rischio per ogni operazione.

Opzioni binarie scadenza oraria: strategia indicatore MACD

Strategie opzioni

Per investire in opzioni binarie hai certamente bisogno di una tecnica, di una strategia che ti consenta di ottenere buoni risultati. Vi sono tantissime strategie che si possono applicare all’investimento in opzioni binarie, alcune utilizzano dati macroeconomici fondamentali, ossia, quelli che derivano direttamente dalle condizioni economiche dei paesi, di una parte dell’economia di un dato paese o di un gruppo di paesi come ad esempio l’unione europea; altre utilizzano invece l’analisi tecnica, che consiste nell’analizzare i grafici di prezzo al fine di stabilire quali siano i punti chiave ove i movimenti di prezzo indicano un comportamento particolare che può generare un movimento di tipo direzionale, che meglio si esplica in una inversione di tendenza.

Per investire in opzioni binarie con scadenza ad 1 ora possiamo avvalerci dell’indicatore MACD, un indicatore di trading che si basa sulla media mobile e che si adatta perfettamente all’investimento in opzioni, sebbene il suo utilizzo maggiore riguarda il trading tradizionale. Per investire in opzioni binarie con scadenza ad 1 ora bisogna impostare il time frame del grafico che stiamo utilizzando in M15, in questo caso ogni sessione avrà la durata di 15 minuti.

Le regole del MACD sono semplici da seguire e tutte si basano solo ed esclusivamente sul grafico. Se la linea del MACD si trova nella parte superiore, che delinea la zona di iper-comprato, e incrocia dall’alto verso il basso la linea di segnale, allora si procede all’investimento in opzioni binarie put con scadenza a 1 ora. In caso contrario invece, ossia, nel caso in cui la linea MACD si trovi nella parte bassa, che delinea la zona di iper-venduto, ed incrocia dal basso verso l’alto la linea di segnale, allora bisogna procedere all’acquisto di opzioni binarie di tipo call.

Strategie opzioni

Dall’immagine ci si può presto rendere conto che il segale del MACD é quasi sempre preciso, ma ovviamente non mancano i falsi segnali, ossia, quei segnali in cui la previsione o meglio l’indicazione del MACD porta a conclusioni differenti da quelle previste. Per ovviare a questi falsi segnali occorre operare investimenti mirati a minimizzare il rischio, per fare ciò basta impostare una soglia massima di rischio standard del 5%.

Strategia MACD opzioni binarie scadenza 5 minuti

Indicatore MACD

L’indicatore di trading MACD ci da moltissime informazioni riguardanti le dinamiche che muovono i prezzi, inoltre, il MACD, che deriva dalla media mobile, offre sia una indicazione riguardante le tendenze sia una indicazione riguardante le zone di iper-comprato e di iper-venduto, ossia, quelle zone in cui i prezzi risultano trovarsi al limite di acquisto o di vendita. Solitamente il MACD viene utilizzato nel trading tradizionale, ma il suo utilizzo può essere conveniente anche nel trading in opzioni binarie a patto che si seguano degli accorgimenti relativi al money management.

In questa pagina ci occupiamo di strategie riguardanti le opzioni binarie a 5 minuti, opzioni queste estremamente difficili da gestire, ma molto convenienti dal punto di vista dei possibili ritorni economici. Per investire in questa particolare tipologia di opzioni binarie bisogna prestare molta attenzione ai grafici di prezzo e scegliere i momenti migliori seguendo le indicazioni del MACD. L’indicatore MACD deve essere impostato in un grafico con time frame M1, in questo modo possiamo gestire al meglio i segnali relativi a questa tipologia di scadenza di opzioni binarie.

Indicatore MACD

Dall’immagine puoi vedere benissimo come l’indicatore MACD offre dei segnali di acquisto e di vendita, che nel caso di opzioni binarie si traducono in acquisto di opzioni call e acquisto di opzioni put. Il segnale dell’indicatore è di facile interpretazione:

Acquisto opzioni binarie call: si acquista una opzione binaria call quando la linea di MACD si trova nella parte inferire e supera la Signal line.

Acquisto opzioni binarie put: si acquistano opzioni binarie put quando la linea di MACD si trova nella parte superiore e supera dall’alto verso il basso la linea di segnale.

CONSIGLI UTILI: non sempre i segnali risultano andare a buon fine, motivo per cui bisogna porre particolare attenzione alla gestione del denaro. Può capitare che le prime operazioni vadano bene, ma non bisogna per questo credere che si possa investire una percentuale di capitale maggiore al 5%. Se si mantiene sempre un rischio basso si hanno maggiori probabilità di guadagno nel lungo periodo, cosa che invece non accade se si considera una percentuale di rischio maggiore.